▲pale blog ▲

ma pale blog cosa. NO.

10:06

forse è arrivato il momento di cancellare un bel po’ di roba dal mio blog e lasciare solo i lavori ‘seri’.

mi spiace tanto però. sarà più noioso di prima.

11:49

juillet

(Fonte: Flickr / silenceeffects)

7:59

ho passato la selezione per il concorso fotografico di Ortona !

sono jrkjehdnsh.

contenta.

11:58

voglio prendere una polaroid e spedire lettere con qualche foto per tutto l’autunno e l’inverno.

fatevi avanti.

10:32

fondali marini creati con i colori a olio

8:58

Si è sempre trattato di osservare, toccare e creare. 

Saranno stati quei pomeriggi passati nel giardino di mia zia; Osservare i piccoli insetti che passeggiavano sul fusto delle piante, come quando accarezzavo la schiena di mia madre mentre dormiva, con le dita di un corpo di sei anni. 
Scavare con le mani la terra e sentire l’umido dell’acqua filtrata poche ore prima per i semi. Simile alla sensazione di chi crescendo, scava dentro di te, non lascia niente e resta l’acqua a non nutrire nessuno.
Osservare da terra le foglie in controluce, le nervature che somigliano al riflesso dell’acqua al mare sul tuo corpo. Ma a sentirsi come quella foglia, lo sentiamo solo se ci mettiamo al sole e sentiamo che di noi, restano solo le ossa.
7:53

( mi vergogno a fare le foto ma oh sono dei bei momenti questo posto è bellissimo )

7:42

10:55

sono abbronzata il triplo di quello che ero prima. odio l’abbronzatura. 😪

8:11
»